Sostieni la mia candidatura con

Ti candido




Chi è Marwa?
Si occupa di educazione e comunicazione interculturale lavorando con giovani, docenti, scuole, associazioni giovanili, donne e luoghi di culto, all’interno della Fondazione Mondinsieme del Comune di Reggio Emilia da dodici anni. Molto attiva a livello nazionale sul tema delle seconde generazioni, fa parte del movimento “italiani senza cittadinanza” che ha l’obiettivo di riformare le norme che regolano l’attribuzione della cittadinanza. Fa parte inoltre del consiglio direttivo del CoNNGI – Coordinamento Nazionale delle Nuove Generazioni Italiane.
Supporto di TiCandido
Supporto per organizzare una campagna territoriale adatta a una piccola media cittadina come Reggio Emilia puntando su strumenti multilingue (italiano ed arabo), incontri diffusi e strumenti digitali.
Perché si candida?
Mi candido perché vorrei portare all’interno delle istituzioni una visione del fare politica che prevede la priorità dell’uguaglianza di tutti i cittadini al di là delle proprie origini, ragioni sociali o credo. Proprio così come recita l’Articolo 3 della nostra Costituzione che considero il mio faro. Son certa che solo grazie alla divulgazione e all’effettiva applicazione dei valori costituzionali si possa promuovere il cambiamento, il progresso e l’inclusione. Sono consapevole di cosa voglia dire esporsi, metterci la faccia e rischiare ed è per questo che la mia candidatura non ha l’obiettivo unicamente di passare bensì quello di portare in questi mesi messaggi e consapevolezze a tutta la cittadinanza sulla dimensione interculturale e internazionale che vive oggi la città di Reggio Emilia. Reggio Emilia ha saputo porsi all’avanguardia a livello nazionale rispetto a tante altre città delle sue dimensioni rendendo con le sue istituzioni, le associazioni, i cittadini il saper fare ed essere comunità aperta, solidale e inclusiva. La mia candidatura intende porsi proprio in continuità con quello che sono state le politiche solide ed interculturali condotte negli anni dall’Amministrazione comunale. Da una parte son certa che vi saranno cittadini che vedranno in me un punto di riferimento culturale e politico, un esempio di chi ce l’ha fatta e sarò per loro motivo d’orgoglio, un riscatto sociale. Altri invece che mi potranno vivere come una minaccia, una sfida alla loro identità culturale, alla loro reggianità. Altri ancora che mi vedranno come la sintesi di chi tra un mondo e l’altro ci vive tutti i giorni, che incarna il dialogo e la possibilità di vedere nel confronto e nella convivenza, difficile, faticosa ma possibile, il proprio modus operandi. Accetterò tutti i modi di vedermi e cercherò di far sì che i cittadini mi percepiscano semplicemente come Marwa, una giovane mamma reggiana cresciuta a Reggio Emilia con origini egiziane, che vuole migliorare il mondo in cui vive a partire dalle tante piccole e grandi battaglie educative, femminili, di cittadinanza, che riguardano i diritti umani e civili.

info@marwareggio.it

Scrivimi: